BTU: cosa è e quando viene usato

Avere aria pulita e una temperatura favorevole in casa è molto importante, soprattutto se consideriamo gli alti livelli di inquinamento di questo periodo.Avere un sistema di climatizzazione è altrettanto importante per poterci scaldare nei giorni più freddi, o al contrario rinfrescarci nei giorni estivi più caldi. Al giorno d’oggi il mercato offre impianti di condizionamento e climatizzazione davvero all’avanguardia: si va dai semplici sistemi anti-odore per arrivare a quelli più innovativi anti-batterici, per assicurarci un ambiente sempre salubre e ottimale. Per questo motivo è molto importante saper scegliere il modello più adatto alle nostre esigenze, ma soprattutto in base alla superficie e locali da riscaldare/raffreddare.Nel Sistema Internazione l’unità di misura adottata per la potenza è il Watt, mentre nel Regno Unito e negli USA viene utilizzato il British Thermal Unit (più semplicemente BTU). Il BTU viene utilizzato per indicare la potenza di riscaldamento di un combustibile, ma anche per il potere refrigerante dei sistemi di condizionamento. A proposito di sistemi di condizionamento e climatizzazione, il BTU comincia a diffondersi anche in Italia con grande rapidità. E allora come muoversi nella scelta di un condizionatore che utilizza questo sistema di misura? I BTU di un condizionate dunque vanno scelti in base ai metri quadri dell’ambiente in cui esso andrà posizionato; per esempio per raffreddare una stanza fra i 9 e i 14 metri quadri sarà necessario scegliere un condizionatore da 8.000 BTU; 9.000 per un ambiente tra i 14 e i 23 metri quadri; 12.000 per una camera da 28/33 metri quadri e così via – più grande sarà l’ambiente, più alto sarà il numero dei BTU. Va preso in considerazione anche il grado di calore di un locale: se una stanza è esposta tutto il giorno al sole, sarà necessario scegliere un condizionatore con dei BTU ancora più potenti.Consultate Fixool per qualsiasi informazione utile per i vostri elettrodomestici!

BTU: cosa è e quando viene usato
Avere aria pulita e una temperatura favorevole in casa è molto importante, soprattutto se consideriamo gli alti livelli di inquinamento di questo periodo.Avere un sistema di climatizzazione è altrettanto importante per poterci scaldare nei giorni più freddi, o al contrario rinfrescarci nei giorni estivi più caldi. Al giorno d’oggi il mercato offre impianti di condizionamento e climatizzazione davvero all’avanguardia: si va dai semplici sistemi anti-odore per arrivare a quelli più innovativi anti-batterici, per assicurarci un ambiente sempre salubre e ottimale. Per questo motivo è molto importante saper scegliere il modello più adatto alle nostre esigenze, ma soprattutto in base alla superficie e locali da riscaldare/raffreddare.Nel Sistema Internazione l’unità di misura adottata per la potenza è il Watt, mentre nel Regno Unito e negli USA viene utilizzato il British Thermal Unit (più semplicemente BTU). Il BTU viene utilizzato per indicare la potenza di riscaldamento di un combustibile, ma anche per il potere refrigerante dei sistemi di condizionamento. A proposito di sistemi di condizionamento e climatizzazione, il BTU comincia a diffondersi anche in Italia con grande rapidità. E allora come muoversi nella scelta di un condizionatore che utilizza questo sistema di misura? I BTU di un condizionate dunque vanno scelti in base ai metri quadri dell’ambiente in cui esso andrà posizionato; per esempio per raffreddare una stanza fra i 9 e i 14 metri quadri sarà necessario scegliere un condizionatore da 8.000 BTU; 9.000 per un ambiente tra i 14 e i 23 metri quadri; 12.000 per una camera da 28/33 metri quadri e così via – più grande sarà l’ambiente, più alto sarà il numero dei BTU. Va preso in considerazione anche il grado di calore di un locale: se una stanza è esposta tutto il giorno al sole, sarà necessario scegliere un condizionatore con dei BTU ancora più potenti.Consultate Fixool per qualsiasi informazione utile per i vostri elettrodomestici!