Orto sul terrazzo: guida alla coltivazione biologica

16 giugno 2018 Giardiniere , Balcone
Come realizzare un orto biologico sul vostro terrazzo in pochi passaggi e in completa autonomia? Ecco tutte le risposte a questo quesito.Se la vostra casa è dotata di un terrazzo in contesto urbano, questo spazio rappresenterà l'unica opportunità per voi per la coltivazione biologica; non tutti hanno la fortuna di avere un giardino o uno spazio esterno verde, nel quale realizzare un orto biologico. Grazie al vostro terrazzo, potrete comunque predisporre un orto biologico e non rinunciare alla vostra passione per la coltivazione.A tal proposito, oggi vi spiegheremo come realizzare in autonomia un orto sul vostro balcone o terrazzo, seguendo le corrette procedure per una coltivazione completamente biologica. Vi daremo i migliori consigli per mettere in pratica le migliori e più efficaci tecniche di coltivazione biologica. Non sarà necessario avere a diposizione degli spazi particolarmente ampi per predisporre un orto sul vostro terrazzo o balcone. Vi basterà mettere in pratica alcune soluzioni intelligenti ed ingegnose, per realizzare un orto biologico su terrazzi e balconi anche di dimensioni particolarmente ridotte.Per prima cosa sarà di fondamentale importanza valutare l'esposizione alla luce del vostro terrazzo o balcone. Questo aspetto è di fondamentale importanza per ogni tipo di orto installato su balconi e terrazzi cittadini. Se il vostro spazio sarà esposto a Nord, in questo caso non sarete molto fortunati e le condizioni di esposizione alla luce non saranno le migliori per predisporre un orto biologico. L'esposizione a Nord è infatti la peggiore esposizione alla luce possibile; essa non consentirà infatti di portare a termine e condurre alcuni tipi di coltivazioni particolarmente complesse, come ad esempio la coltivazione del pomodoro e del peperoncino.

Piante adatte all'orto da terrazza

Le migliori esposizioni alla luce dei vostri spazi esterni, sono sicuramente l'esposizione a sud ovest e a sud est; dette esposizioni sono in grado di coprire i vostri spazi con molta luce, fondamentale per una buona crescita delle specie che deciderete di coltivare sul vostro terrazzo o balcone. In particolare con le esposizionia sud est, i vostri spazi saranno interessati da molta luce nel corso delle ore mattutine; con un'esposizione a sud ovest, la luce del sole interesserà invece particolarmente il vostro spazio esterno nel corso delle ore pomeridiane. In dette esposizioni si eviterà comunque la presenza dei raggi solari intensi, nelle ore più calde della giornata, che certamente potrebbero essere un danno per le colture.Altre esposizioni tendenzialmente indicate per la coltivazione, sono le esposizioni a est e a ovest e a sud; l'esposizione a sud, rischia tuttavia di mettere le piante in condizioni di subire i raggi solari nelle ore più calde della giornata; questo potrebbe essere certamente un problema. Per questa ragione, se il vostro terrazzo o balcone ha un'esposizione a sud, sarà necessario prendere alcuni importanti accorgimenti, per quanto riguarda le operazioni di irrigazione. Ad ogni modo, comprendere l'esposizione dei nostri spazi, ci aiuterà a valutare nel modo migliore quali specie vegetali coltivare sul nostro terrazzo o balcone.È molto importante considerare che non tutti gli orti da balconi o terrazzi sono uguali. Esistono infatti dettagli e particolarità che sono in grado certamente di fare la differenza. Ad esempio su alcuni terrazzi, la predisposizione delle inferiate consentirà alla luce il passaggio dal basso verso l'alto. Un altro esempio di come le caratteristiche strutturali di un terrazzo possano influire sulla coltivazione di un orto biologico, sono i muretti; la loro presenza consentirà infatti di alzare i contenitori posizionati su di essi. A tal proposito, per quanto riguarda la coltivazione sui terrazzi, si stanno sviluppando sempre più soluzioni originali, che sono in grado di venire incontro alle diverse esigenze che si presenteranno.

Quando seminare

Una volta che avremo considerato le caratteristiche tecniche dei nostri spazi esterni e la loro esposizione, potremo iniziare il lavoro di semina. Dovremo scegliere prima di tutto cosa seminare o trapiantare nel nostro orto biologico esterno. Sarà necessario effettuare la propria scelta in base alla grandezza del proprio spazio, per potere sfruttare lo stesso nel modo migliore. Sicuramente saranno da prediligere quelle colture che non avranno bisogno per essere coltivate, di beneficiare di spazi particolarmente ampi per potersi sviluppare in modo rigoglioso.Se non disponete di spazi particolarmente ampi, potrete prediligere colture come l'aglio e la cipolla; si tratta di piante che potranno essere sistemate o piantate in un vaso non eccessivamente profondo; potrete seminare in buchi da 4, 5 centimetri. La distanza della semina per la crescita delle piante dovrà essere di circa 10,15 centimetri l'una dall'altra. Il nostro consiglio è di evitare la semina di ortaggi come ad esempio la zucca, i meloni e le zucchine. Anche se impiantati in vasi di dimensioni importanti, questi ortaggi difficilmente potranno crescere con facilità e dare soddisfazioni nella coltivazione in terrazzo.

Quanto innaffiare

Per quanto riguarda l'innaffiatura delle piante, ovviamente ogni specie richiederà una particolare e differente azione di idratazione. La soluzione migliore per procedere all'innaffiatura delle piante in vaso, è quella di progettare ed installare un impianto di irrigazione da terrazzo. Questi impianti sono oggi facili da reperire in commercio e a dei prezzi competitivi. Anche la fase di installazione non è certamente complessa ed è alla portata di tutti. Grazie ai moderni impianti di irrigazione, sarà possibile, oltre a risparmiare notevoli quantità d'acqua, risparmiare tempo nelle operazioni di manutenzione; i moderni impianti di irrigazione sono infatti in grado di svolgere il proprio lavoro in completa autonomia, grazie alla possibilità di effettuare una programmazione precisa delle operazioni di irrigazione.

Quando concimare

Per quanto riguarda la fase di concimazione, si tratta certamente di un'operazione molto importante per garantire una crescita sana e prospera della pianta dell'ortaggio che volete coltivare in vaso sul vostro terrazzo. Ogni pianta per crescere sana e prospera, avrà bisogno proprio nella fase di concimazione di essere nutrita con particolari sostanze. A seconda del tipo di piante che volete coltivare, dovrete necessariamente concimare il terriccio con le relative sostanze nutrienti adatte; ad esempio la pianta di pomodoro avrà bisogno di essere nutrita con dei concimi specifici; dovrete considerare il fatto che nessun concime lavorerà nel modo corretto se la pianta non verrà idratata correttamente.Fixool, i migliori consigli per la coltivazione di ortaggi nei vostri ambienti esterni

Orto sul terrazzo: guida alla coltivazione biologica
Come realizzare un orto biologico sul vostro terrazzo in pochi passaggi e in completa autonomia? Ecco tutte le risposte a questo quesito.Se la vostra casa è dotata di un terrazzo in contesto urbano, questo spazio rappresenterà l'unica opportunità per voi per la coltivazione biologica; non tutti hanno la fortuna di avere un giardino o uno spazio esterno verde, nel quale realizzare un orto biologico. Grazie al vostro terrazzo, potrete comunque predisporre un orto biologico e non rinunciare alla vostra passione per la coltivazione.A tal proposito, oggi vi spiegheremo come realizzare in autonomia un orto sul vostro balcone o terrazzo, seguendo le corrette procedure per una coltivazione completamente biologica. Vi daremo i migliori consigli per mettere in pratica le migliori e più efficaci tecniche di coltivazione biologica. Non sarà necessario avere a diposizione degli spazi particolarmente ampi per predisporre un orto sul vostro terrazzo o balcone. Vi basterà mettere in pratica alcune soluzioni intelligenti ed ingegnose, per realizzare un orto biologico su terrazzi e balconi anche di dimensioni particolarmente ridotte.Per prima cosa sarà di fondamentale importanza valutare l'esposizione alla luce del vostro terrazzo o balcone. Questo aspetto è di fondamentale importanza per ogni tipo di orto installato su balconi e terrazzi cittadini. Se il vostro spazio sarà esposto a Nord, in questo caso non sarete molto fortunati e le condizioni di esposizione alla luce non saranno le migliori per predisporre un orto biologico. L'esposizione a Nord è infatti la peggiore esposizione alla luce possibile; essa non consentirà infatti di portare a termine e condurre alcuni tipi di coltivazioni particolarmente complesse, come ad esempio la coltivazione del pomodoro e del peperoncino.

Piante adatte all'orto da terrazza

Le migliori esposizioni alla luce dei vostri spazi esterni, sono sicuramente l'esposizione a sud ovest e a sud est; dette esposizioni sono in grado di coprire i vostri spazi con molta luce, fondamentale per una buona crescita delle specie che deciderete di coltivare sul vostro terrazzo o balcone. In particolare con le esposizionia sud est, i vostri spazi saranno interessati da molta luce nel corso delle ore mattutine; con un'esposizione a sud ovest, la luce del sole interesserà invece particolarmente il vostro spazio esterno nel corso delle ore pomeridiane. In dette esposizioni si eviterà comunque la presenza dei raggi solari intensi, nelle ore più calde della giornata, che certamente potrebbero essere un danno per le colture.Altre esposizioni tendenzialmente indicate per la coltivazione, sono le esposizioni a est e a ovest e a sud; l'esposizione a sud, rischia tuttavia di mettere le piante in condizioni di subire i raggi solari nelle ore più calde della giornata; questo potrebbe essere certamente un problema. Per questa ragione, se il vostro terrazzo o balcone ha un'esposizione a sud, sarà necessario prendere alcuni importanti accorgimenti, per quanto riguarda le operazioni di irrigazione. Ad ogni modo, comprendere l'esposizione dei nostri spazi, ci aiuterà a valutare nel modo migliore quali specie vegetali coltivare sul nostro terrazzo o balcone.È molto importante considerare che non tutti gli orti da balconi o terrazzi sono uguali. Esistono infatti dettagli e particolarità che sono in grado certamente di fare la differenza. Ad esempio su alcuni terrazzi, la predisposizione delle inferiate consentirà alla luce il passaggio dal basso verso l'alto. Un altro esempio di come le caratteristiche strutturali di un terrazzo possano influire sulla coltivazione di un orto biologico, sono i muretti; la loro presenza consentirà infatti di alzare i contenitori posizionati su di essi. A tal proposito, per quanto riguarda la coltivazione sui terrazzi, si stanno sviluppando sempre più soluzioni originali, che sono in grado di venire incontro alle diverse esigenze che si presenteranno.

Quando seminare

Una volta che avremo considerato le caratteristiche tecniche dei nostri spazi esterni e la loro esposizione, potremo iniziare il lavoro di semina. Dovremo scegliere prima di tutto cosa seminare o trapiantare nel nostro orto biologico esterno. Sarà necessario effettuare la propria scelta in base alla grandezza del proprio spazio, per potere sfruttare lo stesso nel modo migliore. Sicuramente saranno da prediligere quelle colture che non avranno bisogno per essere coltivate, di beneficiare di spazi particolarmente ampi per potersi sviluppare in modo rigoglioso.Se non disponete di spazi particolarmente ampi, potrete prediligere colture come l'aglio e la cipolla; si tratta di piante che potranno essere sistemate o piantate in un vaso non eccessivamente profondo; potrete seminare in buchi da 4, 5 centimetri. La distanza della semina per la crescita delle piante dovrà essere di circa 10,15 centimetri l'una dall'altra. Il nostro consiglio è di evitare la semina di ortaggi come ad esempio la zucca, i meloni e le zucchine. Anche se impiantati in vasi di dimensioni importanti, questi ortaggi difficilmente potranno crescere con facilità e dare soddisfazioni nella coltivazione in terrazzo.

Quanto innaffiare

Per quanto riguarda l'innaffiatura delle piante, ovviamente ogni specie richiederà una particolare e differente azione di idratazione. La soluzione migliore per procedere all'innaffiatura delle piante in vaso, è quella di progettare ed installare un impianto di irrigazione da terrazzo. Questi impianti sono oggi facili da reperire in commercio e a dei prezzi competitivi. Anche la fase di installazione non è certamente complessa ed è alla portata di tutti. Grazie ai moderni impianti di irrigazione, sarà possibile, oltre a risparmiare notevoli quantità d'acqua, risparmiare tempo nelle operazioni di manutenzione; i moderni impianti di irrigazione sono infatti in grado di svolgere il proprio lavoro in completa autonomia, grazie alla possibilità di effettuare una programmazione precisa delle operazioni di irrigazione.

Quando concimare

Per quanto riguarda la fase di concimazione, si tratta certamente di un'operazione molto importante per garantire una crescita sana e prospera della pianta dell'ortaggio che volete coltivare in vaso sul vostro terrazzo. Ogni pianta per crescere sana e prospera, avrà bisogno proprio nella fase di concimazione di essere nutrita con particolari sostanze. A seconda del tipo di piante che volete coltivare, dovrete necessariamente concimare il terriccio con le relative sostanze nutrienti adatte; ad esempio la pianta di pomodoro avrà bisogno di essere nutrita con dei concimi specifici; dovrete considerare il fatto che nessun concime lavorerà nel modo corretto se la pianta non verrà idratata correttamente.Fixool, i migliori consigli per la coltivazione di ortaggi nei vostri ambienti esterni

Non perderti le nostre
ultime novità