Piano cottura a induzione: quanto costa la sostituzione

6 giugno 2018
Il piano cottura a induzione è uno strumento caratterizzato da molti vantaggi e alcuni svantaggi; esaminiamo i costi di sostituzione e eventuali guasti.Il piano cottura a induzione è uno strumento efficiente e molto importante; si tratta di un apparecchio molto interessante per tutti gli utenti che sono interessati al risparmio energeticoe che per questa ragione hanno l'intenzione di abbandonare i combustibili fossili nella vita di tutti i giorni; l'adozione di uno strumento di questo tipo, permetterà certamente all'utente di conseguire un risparmio della bolletta.Negli ultimi anni si stanno facendo strada nelle cucine italiane, i piani cottura ad induzione, che stanno sempre più sostituendo i classici piani cottura a gas. I piani cottura a induzione sono strumenti in grado di sfruttare il calore generato dal consumo dell'energia elettrica, a differenza del gas che viene bruciato nei relativi piani di cottura per cuocere i cibi. I piani cottura a induzione sono degli strumenti che certamente sono caratterizzati da vantaggi e svantaggi. I pro e contro dei piani cottura a induzione riguardano gli aspetti relativi al risparmio energetico; inoltre bisognerà considerare gli aspetti che riguardano l'importante tema della sicurezza e del rispetto dell'ambiente.Esaminiamo dunque tutte le caratteristiche tecniche e il funzionamento dei piani cottura a induzione.

Caratteristiche piano cottura a induzione

Per prima cosa, esaminando il funzionamento e le caratteristiche tecniche del piano di cottura a induzione, comprenderemo che questi dispositivi non andranno confusi con i piani alogeni o radianti. Ovviamente dovremo considerare il fatto che non esiste una sola tipologia di piani di cottura elettrici; esistono in commercio principalmente tre tipologie di piani di cottura elettrici: vi sono i piani elettrici radianti, i piani ad induzione e infine i piani alogeni. Talvolta si tende erroneamente a definire i piani di cottura radianti ed alogeni, come piani elettrici ad induzione; questo errore di definizione è commesso soprattutto dai negozianti.Per questa ragione bisogna fare particolare attenzione a non commettere errori di definizione; bisognerà infatti considerare che l'efficienza energetica dei piani elettrici radianti ed alogeni è inferiore, se confrontata ai piani di cottura a induzione. In particolare, i piani di cottura radianti sono degli strumenti in vetroceramica con dei sistemi di resistenza elettrica; i piani di cottura alogeni sono invece delle vere e proprie lampade a infrarossi che producono calore. In questi dispositivi la maggior parte del calore verrà trattenuto dal materiale che andrà a disperderlo. Per queste ragioni l'efficientamento energetico dei dispositivi alogeni e radianti è di poco superiore di quello relativo ai piani di cottura a gas (all'incirca il 60 per cento, dal momento che il 40 per cento viene disperso nell'ambiente circostante).

Guasti piano cottura a induzione

Andrà inoltre considerato che l'energia elettrica costa maggiormente del gas; per questa ragione i piani di cottura radianti ed alogeni non sono affatto strumenti convenienti. Il funzionamento dei piani di cottura ad induzione è diverso. Questo strumento trasferisce l'energia, dando vita ad un campo elettromagnetico; il sistema funziona come una sorta di calamita gigante, che viene alimentata dall'energia elettrica. In particolare, l'energia elettrica verrà trasferita direttamente sul fondo della pentola o della padella. Questo proprio attraverso il magnetismo che si creerà tra la pentola e il piano stesso. Grazie al funzionamento del piano di cottura ad induzione, la dispersione di calore sarà inferiore al 10 per cento; quasi la totalità del calore verrà dunque trasferita direttamente ai cibi.Per evitare che avvengano malfunzionamenti e guasti al piano di cottura ad induzione, sarà necessario prestare alcuni accorgimenti importanti. Prima di tutto su questi strumenti sarà opportuno utilizzare solo padelle e pentole adatte al sistema. Sul piano di cottura ad induzione sarà importante utilizzare solamente le pentole e le padelle sulle quali il produttore ha espressamente indicato che trattasi di prodotti adatti per effettuare cotture ad induzione; le padelle e le pentole dovranno essere dotate di fondo in acciaio Inox.Per verificare che una pentola o una padella siano idonee ad essere utilizzate per effettuare la cottura sui piani di cottura ad induzione, potrete effettuare la seguente operazione; accostate al fondo della pentola un magnete: se quest'ultimo verrà attirato alla pentola, con molta probabilità essa risulta idonea per essere utilizzata sui piani di cottura a induzione. Un altro accorgimento importante per chi usa i piani di cottura ad induzione, sarà tenere presente che questi strumenti potranno rappresentare un rischio per chi porta un pace-maker; anche nell'uso di un defibrillatore nei pressi di un piano cottura a induzione, potrebbe risultare rischioso.

Sostituzione con garanzia

Per prevenire i guasti, non dovrete assolutamente utilizzare sui piani di cottura ad induzione pentole di alluminio, pentole di vetro, di terracotta o di ceramica. Vi consigliamo inoltre di evitare l'uso di mestoli in metallo; questi ultimi potrebbero infatti interferire con il sistema di cottura. Anche per quanto riguarda il caffè, sui piani di cottura ad induzione dovrete utilizzare delle moke speciali.I piani di cottura a induzione, come molti altri strumenti sono garantiti, unitamente ai propri componenti, per qualsiasi difetto di conformità e qualora siano interessati da malfunzionamenti e una non rispondenza all'uso dichiarato dello strumento, per il quale è stato prodotto. La garanzia di un prodotto è attiva al momento della consegna e tendenzialmente dura due anni. Nel periodo di utilizzo del prodotto, nel quale lo stesso è in regime di garanzia, qualora si verificasse un malfunzionamento che non dipende da un comportamento fraudolento o inadeguato dell'utente, quest'ultimo dovrà contattare l'assistenza o il produttore. Sarà diritto dell'utente, l'intervento dell'assistenza professionale a carico economico del produttore. Quest'ultimo provvederà a risolvere il problema tecnico dello strumento acquistato, o se si renderà necessario al ritiro e alla sostituzione del prodotto.

Sostituzione senza garanzia

La sostituzione di un prodotto senza garanzia avverrà quando il malfunzionamento, indipendentemente dal comportamento fraudolento dell'utente, intercorrerà a seguito del periodo nel quale il prodotto si trova nello stato di garanzia. In tal caso, le spese di riparazione o di sostituzione del piano di cottura ad induzione saranno totalmente a carico dell'utente e non del produttore dell'apparecchio.Imparate con Fixool a conoscere le caratteristiche tecniche e funzionali dei vostri elettrodomestici, per un uso adeguato e consapevole

Piano cottura a induzione: quanto costa la sostituzione
Il piano cottura a induzione è uno strumento caratterizzato da molti vantaggi e alcuni svantaggi; esaminiamo i costi di sostituzione e eventuali guasti.Il piano cottura a induzione è uno strumento efficiente e molto importante; si tratta di un apparecchio molto interessante per tutti gli utenti che sono interessati al risparmio energeticoe che per questa ragione hanno l'intenzione di abbandonare i combustibili fossili nella vita di tutti i giorni; l'adozione di uno strumento di questo tipo, permetterà certamente all'utente di conseguire un risparmio della bolletta.Negli ultimi anni si stanno facendo strada nelle cucine italiane, i piani cottura ad induzione, che stanno sempre più sostituendo i classici piani cottura a gas. I piani cottura a induzione sono strumenti in grado di sfruttare il calore generato dal consumo dell'energia elettrica, a differenza del gas che viene bruciato nei relativi piani di cottura per cuocere i cibi. I piani cottura a induzione sono degli strumenti che certamente sono caratterizzati da vantaggi e svantaggi. I pro e contro dei piani cottura a induzione riguardano gli aspetti relativi al risparmio energetico; inoltre bisognerà considerare gli aspetti che riguardano l'importante tema della sicurezza e del rispetto dell'ambiente.Esaminiamo dunque tutte le caratteristiche tecniche e il funzionamento dei piani cottura a induzione.

Caratteristiche piano cottura a induzione

Per prima cosa, esaminando il funzionamento e le caratteristiche tecniche del piano di cottura a induzione, comprenderemo che questi dispositivi non andranno confusi con i piani alogeni o radianti. Ovviamente dovremo considerare il fatto che non esiste una sola tipologia di piani di cottura elettrici; esistono in commercio principalmente tre tipologie di piani di cottura elettrici: vi sono i piani elettrici radianti, i piani ad induzione e infine i piani alogeni. Talvolta si tende erroneamente a definire i piani di cottura radianti ed alogeni, come piani elettrici ad induzione; questo errore di definizione è commesso soprattutto dai negozianti.Per questa ragione bisogna fare particolare attenzione a non commettere errori di definizione; bisognerà infatti considerare che l'efficienza energetica dei piani elettrici radianti ed alogeni è inferiore, se confrontata ai piani di cottura a induzione. In particolare, i piani di cottura radianti sono degli strumenti in vetroceramica con dei sistemi di resistenza elettrica; i piani di cottura alogeni sono invece delle vere e proprie lampade a infrarossi che producono calore. In questi dispositivi la maggior parte del calore verrà trattenuto dal materiale che andrà a disperderlo. Per queste ragioni l'efficientamento energetico dei dispositivi alogeni e radianti è di poco superiore di quello relativo ai piani di cottura a gas (all'incirca il 60 per cento, dal momento che il 40 per cento viene disperso nell'ambiente circostante).

Guasti piano cottura a induzione

Andrà inoltre considerato che l'energia elettrica costa maggiormente del gas; per questa ragione i piani di cottura radianti ed alogeni non sono affatto strumenti convenienti. Il funzionamento dei piani di cottura ad induzione è diverso. Questo strumento trasferisce l'energia, dando vita ad un campo elettromagnetico; il sistema funziona come una sorta di calamita gigante, che viene alimentata dall'energia elettrica. In particolare, l'energia elettrica verrà trasferita direttamente sul fondo della pentola o della padella. Questo proprio attraverso il magnetismo che si creerà tra la pentola e il piano stesso. Grazie al funzionamento del piano di cottura ad induzione, la dispersione di calore sarà inferiore al 10 per cento; quasi la totalità del calore verrà dunque trasferita direttamente ai cibi.Per evitare che avvengano malfunzionamenti e guasti al piano di cottura ad induzione, sarà necessario prestare alcuni accorgimenti importanti. Prima di tutto su questi strumenti sarà opportuno utilizzare solo padelle e pentole adatte al sistema. Sul piano di cottura ad induzione sarà importante utilizzare solamente le pentole e le padelle sulle quali il produttore ha espressamente indicato che trattasi di prodotti adatti per effettuare cotture ad induzione; le padelle e le pentole dovranno essere dotate di fondo in acciaio Inox.Per verificare che una pentola o una padella siano idonee ad essere utilizzate per effettuare la cottura sui piani di cottura ad induzione, potrete effettuare la seguente operazione; accostate al fondo della pentola un magnete: se quest'ultimo verrà attirato alla pentola, con molta probabilità essa risulta idonea per essere utilizzata sui piani di cottura a induzione. Un altro accorgimento importante per chi usa i piani di cottura ad induzione, sarà tenere presente che questi strumenti potranno rappresentare un rischio per chi porta un pace-maker; anche nell'uso di un defibrillatore nei pressi di un piano cottura a induzione, potrebbe risultare rischioso.

Sostituzione con garanzia

Per prevenire i guasti, non dovrete assolutamente utilizzare sui piani di cottura ad induzione pentole di alluminio, pentole di vetro, di terracotta o di ceramica. Vi consigliamo inoltre di evitare l'uso di mestoli in metallo; questi ultimi potrebbero infatti interferire con il sistema di cottura. Anche per quanto riguarda il caffè, sui piani di cottura ad induzione dovrete utilizzare delle moke speciali.I piani di cottura a induzione, come molti altri strumenti sono garantiti, unitamente ai propri componenti, per qualsiasi difetto di conformità e qualora siano interessati da malfunzionamenti e una non rispondenza all'uso dichiarato dello strumento, per il quale è stato prodotto. La garanzia di un prodotto è attiva al momento della consegna e tendenzialmente dura due anni. Nel periodo di utilizzo del prodotto, nel quale lo stesso è in regime di garanzia, qualora si verificasse un malfunzionamento che non dipende da un comportamento fraudolento o inadeguato dell'utente, quest'ultimo dovrà contattare l'assistenza o il produttore. Sarà diritto dell'utente, l'intervento dell'assistenza professionale a carico economico del produttore. Quest'ultimo provvederà a risolvere il problema tecnico dello strumento acquistato, o se si renderà necessario al ritiro e alla sostituzione del prodotto.

Sostituzione senza garanzia

La sostituzione di un prodotto senza garanzia avverrà quando il malfunzionamento, indipendentemente dal comportamento fraudolento dell'utente, intercorrerà a seguito del periodo nel quale il prodotto si trova nello stato di garanzia. In tal caso, le spese di riparazione o di sostituzione del piano di cottura ad induzione saranno totalmente a carico dell'utente e non del produttore dell'apparecchio.Imparate con Fixool a conoscere le caratteristiche tecniche e funzionali dei vostri elettrodomestici, per un uso adeguato e consapevole

Non perderti le nostre
ultime novità